silentlambs - It's time to protect children. It's time to stop being a silent lamb.
Home Assistance Personal Experiences Education Press Donate/Become a SL Member Sitemap silentlambs Store
Search

 

 

Il problema internazionale dell’abuso sui minori
fra i Testimoni di Geova

 

 

Testimoni per l'accusa
HOME

Traduzione di un programma televisivo andato in onda a New York il 28 maggio 2002
Link:
http://www.silentlambs.org/education/dateline_trans.cfm

 

 

JANE PAULEY: Buonasera, prima o poi notizie del genere finiranno, ogni tanto una nuova persona viene avanti dicendo di essere stata molestata da piccola da una figura religiosa di cui si fidava, ma ancora queste cose accadono e stasera non sono i preti sotto accusa. Lo scenario di accuse di abusi è molto simile, ma le conseguenze nel venire allo scoperto per gente che fa della fede il centro della propria vita, possono essere profonde e devastanti. Diamo la parola a John Larson.
JOHN LARSON:
In una cittadina come Othello, nello stato di Washington, i vicini sono spesso amici, e gli amici sono come membri della famiglia. Ciò rende la storia che state per ascoltare ancora più dolorosa. Perché per Erica Garza, che è cresciuta qui, non c’era nessuno di più vicino e di più fidato che il miglior amico dei suoi genitori.
ERICA GARZA: Non l’avresti mai detto guardandolo, o da come si comportava, che cosa facesse in privato.

LARSON: (Voce sovrapposta) Ciò che quell’amico Manuel Beliz faceva era molestare Erica abusando sessualmente di lei. E lei afferma che tutto cominciò quando aveva solo cinque anni.

E. GARZA: Lo ricordo come se fosse ieri.

LARSON: Quale fu la sua reazione quando cominciò a toccarla?

E. GARZA: Non riuscivo bene a capire. ricordo solo che mi faceva male.

E. GARZA: Più di tutto ricordo solo che mi faceva male.

LARSON: (commento) Un dolore che cresceva, dice Erica, perché il suo molestatore faceva pressione su di lei affinché tenesse tutto segreto. Mentre potrebbe non sorprendervi, questa non è la storia di un molestatore che cerca di restare nell’ombra. Questa è la storia di altri che potrebbero avere avuto un ruolo non solo nell’abuso di Erica ma anche nell’aver abusato di altre vittime.

E. GARZA: Non gli importava ciò che stava accadendo, tutto ciò che facevano era cercare di nascondere i fatti.

LARSON: (commento) Entrambi, Erica e il suo molestatore erano membri della stessa chiesa: i Testimoni di Geova.

LARSON: (commento) I Testimoni di Geova sono Cristiani evangelici, conosciuti come quelli che vanno porta a porta con la loro rivista “Svegliatevi!”. I Testimoni di Geova hanno 6 milioni di membri in tutto il mondo, e alcune regole molto controverse: niente compleanni o Natale, niente trasfusioni di sangue, no al servizio militare, niente saluto alla bandiera e tutto ciò li separa, a volte persino li isola, dalla maggioranza degli americani. In effetti, nel mondo dei TdG, chiunque al di fuori dalla loro chiesa, cioè la maggior parte di voi che ci state guardando stasera, viene considerato come parte del mondo di Satana, un mondo che, come viene dipinto nei testi di questa chiesa, sarà distrutto da Dio. I veri TdG che seguono a fondo le regole della loro chiesa, sopravvivranno per sempre su una terra perfetta.
Ma ora ci sono accuse che la chiesa, diretta dal suo quartier generale a New York chiamato la Società Torre di Guardia, sta coprendo casi di abusi su minori, proteggendo i molestatori, e tenendo segreti che mettono altri bambini a rischio. Quando a sedici anni la famiglia di Erica si trasferì da Othello in una nuova casa e sala del regno in California lei un giorno trovò il coraggio di raccontare il suo terribile segreto. Cosa fece allora suo padre Reuben Garza? Raccontò tutto alla polizia?

REUBEN GARZA: No, non mi fu mai proposto di parlare con la polizia.
(Commento) Occupiamocene nella congregazione.

LARSON: (commento) Reuben Garza, che era uno dei ministri di culto della chiesa o “anziano”, dice che questo è esattamente ciò che i capi gli insegnarono di fare. Per cui invece di andare alla polizia, lui e sua moglie, Alexandra, chiamarono gli anziani ad Othello.

LARSON: Fatemi dire una cosa ovvia. In pratica vostra figlia era stata stuprata. Non avete pensato “devo andare alla polizia”?

ALEXANDRA GARZA: Fu la mia prima reazione. Ma come Testimoni prima siamo tenuti ad andare dagli anziani quando abbiamo un problema.

LARSON: (commento) Ma neanche gli anziani andarono dalla polizia? Perché? Bene, legalmente, non avrebbero dovuto. Solo 16 stati richiedono a membri di culto di riportare tutti i casi sospetti di abuso su minori e Washington non era uno di quelli. Invece gli anziani della congregazione aprirono la loro investigazione interna. Questa è una di quelle cose che differenzia i Testimoni Di Geova rispetto a molti altri gruppi religiosi. La chiesa ha il suo sistema giudiziario interno.

LARSON: Ogni qual volta un membro viene accusato di fare qualcosa di sbagliato, sia esso infrangere una norma, come fumare, commettere adulterio, o persino commettere un crimine come lo stupro, la congregazione locale appronta un comitato speciale di anziani per investigare sulle accuse. Ora, se l’accusatore viene trovato colpevole, possono “segnarlo” o nella peggiore delle ipotesi, cacciarlo dalla congregazione, dissasociarlo, tagliarlo potenzialmente fuori dai suoi amici, dalla famiglia e facendogli perdere la possibilità, in cui credono, di una vita eterna; e per un Testimone di Geova non ci può essere punizione peggiore.

(Commento) Erica Garza si sarebbe aspettata che al più il suo molestatore fosse dissociato. Ma dopo cinque mesi in attesa che la congregazione di Othello agisse, si arrabbiò e fece l’impensabile.

E. GARZA: A questo punto convocai gli anziani e dissi loro: “Guardate, io vado alla polizia!”

LARSON: E cosa le dissero?

E. GARZA: NO! Altrimenti …!

LARSON: Altrimenti cosa?

E. GARZA: Ecco cosa ho detto, ho detto: “Altrimenti cosa?” e mi dissero: “Solo non andare!” , “Cosa? verrò disassociata se vado alla polizia? È questo che mi accadrà?”. E mi dissero “Si, sarai disassociata.” A quel punto ero attonita: “Cosa? Disassociate me per essere stata stuprata, invece quel tipo che mi ha stuprata è ancora un Testimone?” E loro mi dissero: “Non andare dalla polizia. Sarai condannata da Dio”.

LARSON: (commento) Era l’ottobre del 1996, ed Erica dice che finalmente decise, qualsiasi fosse la punizione, che doveva andare alla polizia. Seguì un’investigazione e Manuel Beliz fu accusato di molestie e stupro.

E la chiesa? Erica dice che nella Sala del Regno in California non solo cominciarono ad evitarla ma evitarono anche la sua famiglia.

LARSON: Cosa avvenne?

Mr. GARZA: Fui rimosso dal ruolo di Anziano.

LARSON: Così ti hanno rimosso.

Mr. GARZA: SI!

LARSON: (commento) Erica si sentiva maltrattata, abbandonata dalla sua chiesa e sola. Ma ciò che non sapeva e che ci sarebbero voluti altri quattro anni prima che un altro Testimone di Geova, questa volta un “anziano” che stava a 2000 miglia di distanza, si interessasse del suo caso. L’anziano aveva scoperto prove, dice, che c’erano molte più vittime come Erica nelle varie Sale del Regno. Ed ora anche lui stava lasciando la chiesa e si accingeva ad uscire nel mondo che i Testimoni credono sia il dominio di Satana, “il mondo” dove mettere in luce i segreti della chiesa.

LARSON: Lei ora parla con me, ed è come parlare con Satana.

BILL BOWEN: Esattamente, sto attaccando Dio, è quello che mi hanno detto a questo proposito.

LARSON: Secondo la sua chiesa, solo perché è seduto qui con noi ora.

Mr. BOWEN: Sì.

LARSON: (commento) Bill Bowen è un fabbricante di candele del Kentucky. È stato tutta la vita Testimone di Geova. Tutto cominciò, dice, circa due anni fa quando stava archiviando documenti confidenziali nella sua congregazione e si imbatté in questa lettera. Descriveva un’ammissione datata 1980 di un caso di molestie che la chiesa aveva fatto passare inosservato.

LARSON: Che età aveva il bambino coinvolto in questo caso?

Mr. BOWEN: Dal materiale visionato, mi sembrò potesse avere circa 11 anni.

LARSON: (commento) Ed il molestatore che aveva ammesso la sua colpa? Un uomo che Bowen conosceva bene, un “anziano”, e fu soltanto richiamato dalla chiesa e mai denunciato alla polizia. Oltraggiato, Bowen inserì un messaggio in Internet per vedere se c’erano altri casi simili. La risposta, dice, fu una valanga di dolore e frustrazione.

Mr. BOWEN: Erano tutti testimoni di Geova che erano stati molestati in silenzio nella congregazione.

 

 

LARSON: (commento) Bill Bowen non vuole dire che nei testimoni di Geova ci siano più molestatori che in altri gruppi religiosi. Il problema, dice, è come la chiesa tratta i casi che vengono alla sua attenzione. Come il caso di Daniel Fitzwater, un testimone di Geova anziano del Nevada. Bowen scoprì che che secondo i documenti interni nella chiesa, la chiesa sapeva di 17 ragazze che avevano accusato Fitzwater di averle molestate. Ma la polizia afferma che la chiesa non aveva mai passato a loro queste informazioni.
Bowen apprese inoltre che nel New Hampshire Paul Berry picchiò e torturò sessualmente la sua figliastra, Holly Brewer, da quando aveva quattro anni. Ma la madre di Holly dice che quando si lamentò presso gli anziani che Berry picchiava Holly e gli atri suoi figli gli anziani le dissero di essere un moglie migliore e pregare di più. E non informarono mai la polizia come richiesto dalla legge del loro Stato. La chiesa nega tutto, dicendo che lei non aveva mai parlato con gli anziani degli abusi. Holly più tardi scappò di casa e dice di essersi sfigurata con tatuaggi e piercing come risposta a quegli abusi.
HOLLY BREWER: Ho cominciato da sola ad interiorizzare il mio dolore. Fu così che cominciai da me stessa: “Voglio rovinarmi. Voglio imbruttirmi il più possibile, non voglio che nessun ragazzo si interessi di me, non voglio essere attraente per la gente”.

LARSON: (commento) Entrambi, Paul Berry nel New Hampshire e Daniel Fitzwater nel Nevada sono stati di recente condannati per crimini sessuali e sono ora in prigione. Ma Bill Bowen, dice, molti altri nella chiesa accusati di abusi sessuali non sono mai stati denunciati alla polizia. Sostiene di avere sentito, ma non verificato, di parecchie centinaia di membri attuali e precedenti della chiesa. La sua conclusione: a dir poco dirompente.

B. BOWEN: C’è un paradiso per pedofili all’interno della congregazione. Lo credo veramente.

LARSON: Qual è il pericolo che l’ha talmente consumata fino al punto di ingigantire questa questione? Intendo, dire “paradiso dei pedofili”. Suvvia...

Mr. BOWEN: Lo credo con tutto il mio cuore.

(commento) C’è un grosso problema in tutta l’organizzazione.

LARSON: (Voce fuori campo) Ma Bill Bowen è solo un uomo nella congregazione del Kentuky. Questa donna, Barbara Anderson, ha lavorato per dieci anni nel quartier generale dei Testimoni di Geova. Quando ha letto su internet il messaggio di Bowen, dice che si è resa conto che doveva dirgli che c’era molto di più sulla storia che coinvolge bambini in molte delle 11.000 congregazioni del paese.

BARBARA ANDERSON: Non credo siano al sicuro nella chiesa.

LARSON: (commento) Anderson era una ricercatrice alla Torre di Guardia nei primi anni 90 quando un capo le chiese di controllare nei documenti su casi di abusi sessuali, Ciò che trovò, dice, le diede la nausea: centinaia di casi di molestie documentate e tenuti segreti, segreti non solo al mondo, ma agli stessi membri, alle famiglie, le madri i padri e i bambini che avevano fiducia che la chiesa si sarebbe presa cura di loro.

ANDERSON: Credo che se chiedessero di vedere i documenti delle congregazioni, troveranno tante lettere che parlando di donne o uomini che erano stati accusati di molestie su minori nelle congregazioni.

LARSON: (commento) Perché la chiesa terrebbe questi casi segreti e all’interno? Anderson concorda che parte del problema è che la chiesa non ripone fiducia nel “mondo”, ma dice che la questione non è così semplice. Anderson dice che quando gli anziani investigano su crimini come l’abuso su minori, seguono delle istruzioni che li premuniscono dal compiere azioni, le istruzioni per gli anziani sono prese della stessa Bibbia.

ANDERSON: Sostanzialmente usano una scrittura in 1 Timoteo 5:19 che afferma che non si possono fare accuse su un uomo più anziano finche non ci siano due testimoni.

LARSON: Quali sono le probabilità che ci possano essere due o tre testimoni che un uomo più anziano abbia molestato una bambina di otto anni?

Ms. ANDERSON: Non ci saranno mai testimoni e questo è sicuro.

Mr. BOWEN: La somma totale delle loro investigazioni sarà andare dal pedofilo e dirgli: Lo hai fatto? No? OK. Suppongo sia meglio andarcene allora. Ci scusi se l’abbiamo disturbata.

(Parlando al telefono) Ti ha fatto domande ?

LARSON: Bill Bowen dice se volete avere un idea di come la chiesa faccia passare i casi inosservati… ascoltate questa conversazione telefonica.

(Bowen parla al telefono con la Watch Tower)

Quartier Generale #1: (Al telefono) Buon pomeriggio è la Torre di Guardia.

LARSON: (commento)... ascoltate parte di una conversazione che Bowen ha registrato qualche anno fa con un legale rappresentante dei Testimoni di Geova (New York City).

Centralinista della Torre di Guardia: (al telefono) Buon pomeriggio dipartimento legale.

LARSON: (commento) Bowen chiama cercando consigli su come trattare un caso sospetto di molestie di una ragazzina da parte di suo padre. Gli è stato detto al posto di denunciarlo alla polizia, di confrontare il sospettato abusatore (New York City; Bowen parla al telefono).

Quartier generale #2: (al telefono ) Glielo chieda di nuovo, “Non ha niente da dire a riguardo?” se le risponde “no” allora me ne andrei.

 

 

Mr. BOWEN: (al telefono) Sì.

Quartier generale #2: (al telefono) Lasci che ci pensi Geova, lui risolverà la questione.

Mr. BOWEN: (Al telefono) Ok.

Quartier Genereale #2: (Al telefono) Non si metta nei pasticci.

LARSON (commento) Di nuovo, non c’era insistenza che questa vicenda potesse essere portata all’attenzione delle autorità del “mondo”. Bowen dice che era così arrabbiato da tutto questo caso che si sarebbe ritirato dal ruolo di anziano e avrebbe cominciato a darsi all’aiuto delle vittime di abusi. Non sapeva che a metà strada, nel paese, Erica Garza sentiva le stesse frustrazioni e si stava preparando ad affrontare il suo molestatore in tribunale.

LARSON: C’è stato qualche anziano o qualsiasi membro della sua chiesa che si sia alzato e messo dalla sua parte?

E. GARZA: No.

LARSON: (commento) Ma Erica stava per scoprire che non era del tutto sola.

DATALINE NBC, vincitore di 10 premi "Testata" per eccellenza in giornalismo. Il più seguito d'America, il più onorato programma di notizie, DATELINE, torna fra poco.

 

 

Voce: Dai nostri studi nel Rockfeller Center, ecco a voi Stone Phillips.

STONE PHILLIPS: Aveva solo cinque anni quando, come dice, fu molestata per la prima volta da un rispettato membro della sua congregazione di testimoni di Geova. Ora, la giovane donna, Erica Garza vuole giustizia. Dice che gli anziani l’abbiano minacciata di espellerla se fosse andata alla polizia, ma lei andò via ed ora il suo molestatore deve affrontare un processo per molestie e stupro. Ecco la conclusione della nostra storia. John Larson.

LARSON: (commento) Il molestatore di Erica è apparso in tribunale pienamente supportato.

E. GARZA: (commento) Dalla sua parte tutta la sua congregazione di Testimoni di Geova.

E. GARZA: Persone che pensavo fossero amici, erano li per appoggiare lui. Dalla mia parte solo la mia famiglia.

LARSON: (commento): Nonostante Beliz avesse apparentemente confessato i suoi crimini in precedenza agli anziani, ciò sembrava fare un certa differenza. Era stato espulso dalla chiesa ma solo temporaneamente. Gli anziani gli permisero di rientrare prima del processo. John White, il superiore degli anziani lo ha spiegato alla giuria.

 

 

JOHN WHITE: (da un audiocassetta) Siamo soddisfatti del suo pentimento ed ha potuto essere riammesso nella congregazione. Per noi, non c'è problema.

LARSON: White ha anche detto alla corte che quando un membro della chiesa è chiamato dagli anziani ed ammette il crimine, loro la considerano una confessione di tipo religioso per cui, come per i preti o i rabbini, sia lui che altri anziani avevano ottime ragioni per non testimoniare di queste confessioni in un'aula di tribunale.

SIG. WHITE: (da un'audiocassetta): I testimoni di Geova non vogliono appoggiare i criminali o persone pericolose. Ma noi teniamo al valore della confidenzialità in quanto se ci viene tolto, perché una persona dovrebbe confessarci una qualsiasi cosa?

LARSON: Ha detto: "Nessuno, comprendiamo il dolore che ha provato quella ragazza?"

E. GARZA: Mi hanno detto: "Ci dispiace per te".

LARSON:(commento) Anche senza l'aiuto della sua chiesa e l'aiuto degli anziani, che come dice Erica, sapevano ciò che era accaduto, nell'agosto 1998, Manuel Beliz fu dichiarato colpevole in due capi di imputazione per stupro e due capi di imputazione per molestie su minori. Ha ottenuto una pena di 11 anni e mezzo di carcere, ma dopo due anni, la sua pena è stata modificata per un cavillo tecnico contestando il modo in cui la giuria era stata selezionata. Erica aveva deciso di ribellarsi, affrontare il suo molestatore, persino sfidare la sua chiesa ma ora lui veniva liberato dalla prigione.

Ms. E. GARZA: Ero così delusa, triste, con il cuore a pezzi e non sapevo cosa fare.

LARSON: (commento) Manuel Beliz è stato rilasciato dalla prigione in attesa di un nuovo processo. L'estate scorsa DATELINE lo ha trovato di nuovo in una Sala del Regno, mentre stava per riunirsi ad altri membri per andare di porta in porta ad evangelizzare per la chiesa.

E. GARZA: Mi rende così triste perché io sono stata stuprata, io lo sono stata, e vengo evitata dai fratelli, e lui che mi ha stuprato, lui.. viene amato da tutti. Mi vengono i brividi solo a pensarci.

LARSON: (commento) Come rispondono i capi dei Testimoni di Geova alle lamentele sul fatto che stanno cercando di seppellire i casi come quello di Erica? Non hanno accettato un'intervista video con noi, ma ci hanno parlato a telecamere spente e fornito un video attestante la loro politica in queste questioni enunciata dal loro portavoce J.R. Brown.

J. R. BROWN: (nel videotape) I testimoni di Geova considerano l'abuso di minori un male, un male del nostro tempo, un male della nostra società per cui lo aborriamo.

LARSON: (voce fuori campo) Le affermazioni ufficiali della chiesa sono che essi pubblicano articoli come questi educando i membri e istruendo gli anziani ad investigare ogni accusa di abuso, e vengono prese misure per proteggere le vittime presunte, da altri abusi. E mentre le fonti ufficiali sono a conoscenza del fatto che i molestatori che si pentono vengono riammessi nella chiesa, essi sostengono che ai molestatori non viene permesso di tenere posizioni di responsabilità nella chiesa. Insistono, inoltre, che la chiesa si attiene alle norme di legge che impongono la denuncia di abusi in quegli stati dove richiesto, anche se ci sia un solo testimone al crimine. Ma in stati dove alle chiese non è richiesta la denuncia, dicono di non scoraggiare le vittime di denunciare gli abusi direttamente alle autorità.

BROWN: (nel videotape) Quando si tratta di denunciare, bene è qualcosa che i genitori dovrebbero decidere. Certamente non diremmo mai loro di non denunciare un abuso su minore.

LARSON: (commento) In una lettera indirizzata a DATELINE, il consiglio generale della chiesa aggiunge che "è possibile che alcuni dei 77.799 anziani dei Testimoni di Geova non abbiano seguito le direttive ricevute a riguardo delle investigazioni e le denunce di abusi su minori".

LARSON: Ciò che rimane ancora senza risposta, è perché la chiesa si occupi di investigazioni su azioni criminali. E quanto spesso loro passano le loro investigazioni alle autorità? Abbiamo chiesto alla chiesa degli esempi, a dimostrazione di come siano duri, come dicono, con i membri che abusano su minori. La chiesa ha aspettato sei mesi, ma finalmente ci ha offerto due casi. Abbiamo tuttavia notato di li a poco qualcosa. In entrambi i casi, le vittime erano Testimoni di Geova, ma gli accusati di molestie non lo erano. Erano "non credenti" persone del "mondo".

(Voce sovrapposta) In effetti, noi abbiamo potuto trovare solo due casi in cui la chiesa abbia preso un ruolo attivo denunciando direttamente qualcuno dei suoi, incluso il caso di questo uomo, Clement Pandello.

 

 

LARSON: (commento) Clement ha confessato agli anziani di avere molestato la sua nipotina.

LARSON: (commento) Come ha trattato la chiesa questo caso? I genitori della piccola vittima, il figlio e la nuora di Pandello, sono anch'essi Testimoni di Geova e hanno detto a DATELINE che la chiesa ha fatto loro pressione per accordarsi in un patteggiamento in cui Pandello si dichiara colpevole di contatti criminali di natura sessuale e danneggiamento di minore. Gli fu data solo la libertà vigilata, niente prigione. E cosa hanno detto gli anziani a Barbara e Carl Pandello?

CARL PANDELLO: Che avremmo dovuto lasciar perdere, che non è il momento di Geova di occuparsi di queste cose.

LARSON: (Voce fuori campo) La chiesa dice che non è vero, e che a quanto pare disassociò Clement Pandello ben due volte. Ma ogni volta loro lo riaccolsero. Per cui dove è oggi questo molestatore di bambini, condannato dalla legge, un uomo che secondo gli atti processuali, ha ammesso di avere molestato ragazze per tutta la vita? DATALINE lo ha trovato in servizio di casa in casa, come un Testimone di Geova di buona condotta, che cerca di evangelizzare persone che non sanno niente di questo suo passato. Suo figlio, Carlo dice che la chiesa dovrebbe accertarsi meglio.
CARL PANDELLO: E' un predatore sessuale. Quando va di casa in casa ci mette un interesse per le giovani, ingenue ragazze. Guarda a quelle bambine, avendo quei pensieri immorali in testa mentre è con loro.

LARSON: Lei sa, ora la chiesa dice di non avere un problema particolare. E' un problema sociale ed essi fanno tutto ciò che possono per fermare i pedofili affinché non colpiscano all'interno della comunità dei Testimoni di Geova. Cosa ha da dire loro?

E. GARZA: Bugiardi!

LARSON: (commento) Nonostante il suo stupratore sia stato liberato per un cavillo tecnico, Erica Garza non intende mollare la presa. La scorsa estate, quasi cinque anni dopo la sua prima denuncia, Erica è tornata in aula. Ancora una volta, nessun testimone di Geova della sua precedente congregazione è venuto a sostenerla. Ma questa volta non era sola.

Mr. BOWEN: ...abbiamo ricevuto commenti da tutto il paese...

LARSON: (commento) L'impavido anziano del Kentacky, Bill Bowen, era li con lei.

Mr. BOWEN: Giusto per pareggiare le cose.

LARSON: (commento) E Bowen aveva organizzato un nuovo gruppo di sostegno per Testimoni di Geova vittime di abusi. E più di 20 persone che erano venute a conoscenza del caso sul suo sito internet erano lì per sostenere Erica.

E. GARZA: Grazie a tutti voi per essere qui.

Queste persone che non mi conoscono, sono venute in volo da tutta l'america per me, per essere qui per me perché si sono rese conto che "Ehi, tu non hai fatto niente di male". Ed è stato incoraggiante vedere queste persone qui per me.

(commento) ...dall'altro parte per lui

LARSON: (Voce fuori campo) In aula, Manuel Beliz ha fatto la sua mossa. Ha negato di avere molestato Erica, ma ha ammesso di averla toccata impropriamente. Ancora una volta, Beliz è stato ritenuto colpevole.

E. GARZA: Colpevole, colpevole, colpevole, colpevole!!!

LARSON: (commento) Erica Garza dice di avere trovato giustizia nonostante la sua chiesa.

E. GARZA: Oh! non ci posso credere tutti e quattro i capi d'imputazione.

Sig. GARZA: Un poco di giustizia te la meriti.

E. GARZA: Grazie Dio, Grazie Signore.

LARSON: (commento) Il suo molestatore è stato spedito in prigione per 11 anni e mezzo.

E. GARZA: Grazie per tutto il tuo aiuto Bill.

BOWEN: E' tutto finito.

ANDERSON: Dormirai bene stanotte, vero?

E. GARZA: Si.

LARSON: (commento) Tutto ciò che Erica ora vuole, dice, e che la chiesa cambi la sua politica e dia alle vittime di abusi un semplice consiglio.

Ms. E. GARZA: "Andate alla polizia". Ehi, incoraggiatemi ad andare alla polizia. Non ditemi di non farlo.

PHILLIPS: Erica Garza e Holly Brewer stanno entrambe facendo causa contro la società Torre di Guardia e le loro congregazioni locali. La chiesa sta combattendo contro questi procedimenti legali. La chiesa ha, inoltre, comunicato a DATELINE che anche se alcuni noti pedofili vanno porta a porta, non è tuttavia permesso loro di andarci da soli.

 

HOME

 

 

 

 

Home | Assistance | Personal Experiences | Education | Press | Donations/Membership | Merchandise
Guestbook | Courage Awards | Newsletter | Contact Us | Affiliates | Sitemap
Copyright © 2003 by silentlambs.org. All rights reserved.